Blog: la bottega di Manuzio

Venezia oggi… e ieri con il Canaletto: l’isola di San Giuliano

Un pezzo di storia che non esiste più, lo recuperiamo attraverso un dipinto

 

Canaletto Torre di Malghera

Torre di Malghera (Giovanni Antonio Canal detto Canaletto)

Oggi appare come un’isola completamente abbandonata, uno stretto lembo di terra che emerge alla sinistra del Ponte della Libertà andando verso Venezia. Eppure la sua storia risale a molti secoli prima che nel Settecento Canaletto la immortalasse in un dipinto. Nel 1152 nell’isola di San Giuliano – all’epoca assai più estesa verso nord-est – sorgeva un “ospitale” per i viaggiatori in transito, affiancato nel secolo successivo da un piccolo monastero di Francescani e dalla celebre torre di difesa.

Scoppio di una mina nell'isola di San Giuliano (Luigi Querena)

Scoppio di una mina nell’isola di San Giuliano (Luigi Querena)

isolasangiulianopiccola

L’isola di San Giuliano oggi vista dalla terraferma

A partire dal XVI secolo l’isola, raffigurata nella cartografia, appare molto più vasta di quella attuale. Sottoposta a interventi difensivi e idrografici nel periodo successivo, fu poi coinvolta durante la dominazione napoleonica nella riorganizzazione delle fortificazioni lagunari che comprendevano la costruzione del vicinissimo Forte Marghera.

Verrà fatta saltare dai veneziani durante i moti del 1848-49, completamente distrutta in un’esplosione talmente grandiosa da essere immortalata in una tempera dal pittore Luigi Querena.

 

(Informazioni tratte da Le acque del parco nella Laguna fra San Giuliano e Venezia)

 


 

 

Ti è piaciuto l’articolo? Iscriviti gratis alla nostra Newsletter per essere aggiornato sulle novità!    

The following two tabs change content below.
Elisabetta Ravegnani

Elisabetta Ravegnani

Ama i libri fin da bambina. Prima li legge, poi li colleziona, poi li studia, infine decide di raccoglierli. E crea una libreria. Piccola, fuori dagli itinerari commerciali, con lo scopo di offrire quel qualcosa in più, che non si trova sempre in giro. Qualche anno dopo la laurea in Lettere, unendo la passione editoriale con quella per Venezia, si inventa La bottega di Manuzio. Che ancora oggi cresce, con passione, ogni giorno.
Elisabetta Ravegnani

Ultimi post di Elisabetta Ravegnani (vedi tutti)

Commenta questo articolo

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *