Blog: la bottega di Manuzio

10 luoghi “sconti” a Venezia: Corte Sant’Andrea

Molti elementi fanno presumere che si tratti di una delle Corti più antiche di Venezia

 

Corte Sant'Andrea1defIl nostro decalogo sui luoghi “sconti” a Venezia si avvia verso la conclusione. La settima puntata ci porta nel Sestiere di San Marco, nei pressi di Campo Manin, nuovamente alla scoperta di una piccola Corte lontana dai classici passaggi e dunque poco nota ai più: Corte Sant’Andrea.

Corte Sant'Andrea2In realtà più che di una singola Corte si può parlare di due tra loro collegate, una “esterna” e una “interna”, dato che un muretto la suddivide. La parte “interna” è probabilmente la più interessante dal punto di vista storico-artistico.


Corte Sant'Andrea4defSul muro sono ben visibili un bassorilievo con scolpito l’Apostolo fra due preti preganti, l’arma della famiglia Minotto e una iscrizione che ricorda che quel lavoro fu fatto eseguire, nel 1356, da un priore di nome Marco Minotto.

Corte Sant'Andrea3defNella Corte si trova anche una vera da pozzo di base quadrata con orlo superiore ottagonale: gli archi in perfetto stile gotico veneziano fanno presumere che la Corte Sant’Andrea sia uno tra i luoghi più antichi di Venezia.

Un’altra curiosità si nasconde tra queste “mura”: qui infatti nel 1582 abitò Aldo Manuzio il giovane, nipote del celeberrimo Aldo Manuzio, grande editore del ‘400 che dà il nome alla nostra libreria.
Vi diamo appuntamento alla prossima puntata di 10 luoghi “sconti” a Venezia.

 

(Le informazioni sono tratte da Un sogno chiamato Venezia. Il Sestiere di San Marco di Aldo Rossi

 


 

Ti è piaciuto l’articolo? Iscriviti gratis alla nostra Newsletter per essere aggiornato sulle novità! 

 

The following two tabs change content below.
Riccardo Ravegnani

Riccardo Ravegnani

Laureato in strategie di comunicazione con una tesi in storia politica su Venezia nel secondo dopoguerra, comunicatore, web marketer con la passione del giornalismo. Si esprime con una massima di Peter Drucker “La cosa più importante nella comunicazione è ascoltare ciò che non viene detto”.

Commenta questo articolo

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *