Blog: la bottega di Manuzio

Il Ponte di Rialto, un “miracolo del mondo”

 
Johann Kaspar Goethe (Italienische Reise) descrive le singolarità della città di Venezia, soffermandosi tra le altre cose sul ponte di Rialto, un “miracolo del mondo”.

Così lo descrive:
 
Canaletto

Canaletto, Il ponte di Rialto, 1735 circa

…Se io volessi comunicarle tutte le singolarità di questa città, sì ampiamente come ho fatto fin adesso, non avrei tempo che basti per scriverle, ed anzi non saprei se meriterebbe sempre la sua attenzione: onde scelgo le più distinte e rimarchevoli, cosicché principio dal Ponte di Rialto cosa degnamente posta tra i miracoli del mondo. Egli sta in mezzo del Canal Grande dal quale la città vien divisa in due parti. Non ha ch’un sol arco, tutto di marmo bianco, e si passa per tre strade; ad ambedue le parti della mezzana sono 24 botteghe di galanterie. Dalla iscrizione che v’è intagliata si sa quando fu fabbricato e parimenti l’origine della città, se il conto è giusto; eccola: Paschale Ciconia venetiarum duce
Dicono che le spese per la fabbrica montassero a 166.666 scudi. Basta: è un’opera di sommo rilievo e degna d’esser messa fra le cose più cospicue di quanto si possa mai riscontrar da quel tempo in qua. E come Venezia sta sopra 72 isole, così queste vengon congiunte con 400 ponti incirca, di modo che si può camminare d’un luogo all’altro a piedi, se si vuole. Non lontano dal ponte suddetto vi è il Fondaco Tedesco ovvero la casa per i negozianti tedeschi. La di lei grandezza è facile ad immaginarsi, quando si sa che lì dentro dimorarono molte famiglie e vi sono 200 stanze.

 

The following two tabs change content below.
Elisabetta Ravegnani

Elisabetta Ravegnani

Ama i libri fin da bambina. Prima li legge, poi li colleziona, poi li studia, infine decide di raccoglierli. E crea una libreria. Piccola, fuori dagli itinerari commerciali, con lo scopo di offrire quel qualcosa in più, che non si trova sempre in giro. Qualche anno dopo la laurea in Lettere, unendo la passione editoriale con quella per Venezia, si inventa La bottega di Manuzio. Che ancora oggi cresce, con passione, ogni giorno.
Elisabetta Ravegnani

Ultimi post di Elisabetta Ravegnani (vedi tutti)

Commenta questo articolo

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *