Blog: la bottega di Manuzio

Categoria: Dieci righe dai libri

Vita sulle galee

  Per avere un’idea di come si vivesse sulle galee del XVI secolo, basta leggere la cruda narrazione di un testimone dell’epoca riportata qui di seguito. La vita sulle galee del re di Spagna Filippo II viene descritta dal suo fratellastro don Juan de Austria, al tempo in cui era comandante della flotta della cristianità nella battaglia di Lepanto contro i…

Il Bucintoro? Battello pesante, mal proporzionato

A John Moore (Lettres d’un voyageur anglois, 1782) non sfuggono le caratteristiche tecniche della più famosa imbarcazione veneziana: magnifico all’aspetto, il Bucintoro può riservare delle spiacevoli sorprese se messo in mare in determinate condizioni meteorologiche. Ecco come lo descrive:   Il Bucintoro è sotto una loggia coperta, e non viene portato fuori che per la solennità. E’ costruito in modo…

Venezia vivace e cosmopolita

Una Venezia vivace e cosmopolita è quella descritta da Giuseppe Gorani nel suo Mémoires secrètes des Cours et des Gouvernements (1793):   …Ciò accresceva la vivacità che del resto regnava un tempo in tutti i quartieri di questa città rumorosa e al tempo stesso estremamente varia e piacevole. In nessuna altra parte gli stranieri affluivano in così gran numero come in…

Il Ponte di Rialto, un “miracolo del mondo”

  Johann Kaspar Goethe (Italienische Reise) descrive le singolarità della città di Venezia, soffermandosi tra le altre cose sul ponte di Rialto, un “miracolo del mondo”. Così lo descrive:   …Se io volessi comunicarle tutte le singolarità di questa città, sì ampiamente come ho fatto fin adesso, non avrei tempo che basti per scriverle, ed anzi non saprei se meriterebbe sempre…

Mathilde Wesendonk, musa ispiratrice di Richard Wagner

  Nata nel 1828, moglie del commerciante Otto Wesendonck, suscitò una profonda passione in Richard Wagner, tale da ispirargli opere fondamentali come Tristano e Isotta. Donne Inspiratrici di Edoardo Schuré consacra un intero capitolo a Mathilde Wesendonk, musa ispiratrice di Richard Wagner, di cui sotto si riporta l’incipit:    “I conoscitori della letteratura wagneriana non ignoravano da gran tempo che un amore…

Maria della laguna. Una campionessa veneziana del remo

  Il nome di Maria Boscola da Marina, campionessa veneziana del remo nel Settecento veneziano, ricorre poco nelle cronache: di lei non si sa quasi nulla. Ma al Museo Correr di Venezia si può ammirare un suo ritratto, con in mano le bandiere vinte ai remi della sua barca. Un ritratto che ha ispirato Alda Monico in questo romanzo di ambientazione…

La fin de Venezia – Steno Catasso

  Poesia tratta da “Antologia della lirica veneziana” di Eugenio Vittoria   Bondì Venezia mia, ti sta andando in malora, sonada par che sia la to ultima ora per far un rebalton drento dei to canali che per secoli e secoli xe stai i to viali.     Co un brontolar de ton fra un bordelo infernal passa nel mio…

Diego Valeri, Venezia

C’è una città di questo mondo, ma così bella, ma così strana, che pare un gioco di fata morgana e una visione del cuor profondo. Avviluppata in un roseo velo, sta con sue chiese, palazzi, giardini, tutta sospesa tra due turchini, quello del mare, quello del cielo. Così mutevole!… A vederla nella mattina di sole bianco, splende d’un riso pallido…

Carlo Goldoni, Mémoires

Segreti in gondola…   La signora Passalacqua mi trattiene, assume un tono allegro, guarda fuori, trova il tempo bellissimo e mi propone di andare con lei a prendere il fresco in una gondola che aveva fatto venire a riva; io rifiuto; essa ne ride, insiste, mi prende per un braccio e mi tira: come fare a non seguirla? Entriamo in…

Il crollo del Campanile di San Marco

La mattina del 14 luglio 1902 alle ore 9.52 il Campanile di San Marco, vinto dalla stanchezza dei secoli, si accasciò su se stesso seppellendo la sottostante Loggetta ed investendo il fianco della Libreria di San Marco. L’angelo d’oro piombò davanti alla porta maggiore della Basilica, dove s’infranse. Nella sua rovinosa caduta il glorioso Campanile non offese neppure una persona e…