Blog: la bottega di Manuzio

Categoria: Aneddoti

La quarta crociata o crociata dei Veneziani (1204)/2

I crociati assaltano Costantinopoli, mentre i rapporti tra Occidentali e Bizantini si fanno sempre più tesi…   (Segue dall’art. precedente “La quarta crociata o crociata dei Veneziani /1”) La città imperiale impressionò i crociati, che erano abituati al mondo più semplice dell’Occidente e mai avevano visto qualche cosa di simile; pieni di stupore osservarono a lungo le mura possenti, i palazzi e le…

La quarta crociata o crociata dei Veneziani (1204)/1

La conquista della città cristiana di Zara da parte dei crociati fu la prima anomalia che anticipò gli eventi futuri La quarta crociata o crociata dei Veneziani venne bandita nel 1198 da papa Innocenzo III. Il suo invito fu raccolto prima dalla feudalità francese e fiamminga, a cui si unirono in seguito i signori tedeschi e dell’Italia settentrionale. A differenza di quanto accaduto nella…

La Sortita di Forte Marghera raccontata da un protagonista

All’alba del 27 ottobre 1848 un esercito di oltre duemila veneziani attaccò di sorpresa Mestre per liberarla dagli austriaci, riuscendo a mettere in fuga questi ultimi verso Treviso. Andiamo alla scoperta della Sortita di Forte Marghera raccontata da un protagonista, il mestrino allora ventenne Placido Aldighieri, che ricorda la sua esperienza nel testo Memorie di un veterano 1848-49.   La Lombardia e il…

Venezia oggi… e ieri con il Canaletto: Piazza Barche

Antico cuore della città, Piazza Barche riavrà a breve uno dei suoi monumenti simbolo   Passeggiare per il centro storico di Mestre significa anche andare oltre quello che i nostri occhi ci mostrano. Significa avere la consapevolezza che esiste una “vecchia città”, sommersa dall’invasione di mattoni e cemento degli ultimi decenni, con un proprio passato e una storia degna di…

I tradimenti (presunti) della dogaressa

Bellissima, di nobile famiglia (il nonno, Pietro, era stato doge), Aluica Gradenigo sposò a circa quarantacinque anni l’ottantenne Marino Falier, il primo e unico doge ad esser giustiziato per alto tradimento. Una tradizione vuole che alla base della congiura ci fosse proprio lei, “la bela moier”. Durante una festa a Palazzo Ducale, il giovane Michele Steno, futuro doge, avrebbe avuto certe attenzioni nei confronti…

I bestemmiatori e la giustizia veneziana

Agli inizi del ‘500 si fece strada nel Consiglio dei Dieci una sempre più acuta preoccupazione per la repressione della blasfemia. Oltre a aumentare le pene contro i bestemmiatori, nel 1537 si istituì un’apposita magistratura, gli Esecutori contro la Bestemmia.  Racconta il Sanudo che tre individui, sorpresi a bestemmiare in un giorno della settimana santa nell’osteria del Bo a Rialto, furono…

Quando usare la forchetta era un peccato

Il doge Domenico Selvo aveva sposato nel 1077 Teodora, sorella dell’imperatore d’Oriente Michele VII Ducas. La principessa era splendida per il suo lusso e i suoi costumi (estranei alla Venezia rustica di allora) avevano destato malcontento fin dal suo primo approdare a Rialto. Teodora – si narrava – non si lavava con l’acqua comune, ma con la rugiada del cielo, che…

La cortigiana e il principe

Sullo sfondo della raffinata civiltà veneziana del Rinascimento, le cortigiane d’alto bordo, definite “honeste”, univano alle attrattive fisiche quelle intellettuali, coltivate studiando canto e musica, esercitandosi nel ballo, imparando il latino. Tra tutte, nel Cinquecento, un posto di primo piano spetta a Veronica Franco, che a 29 anni ebbe l’onore di allietare il soggiorno veneziano di Enrico III di Valois,…

L’incredibile fuga di Giacomo Casanova dalle prigioni dei Piombi

L’incredibile fuga di Giacomo Casanova dalle prigioni dei Piombi, dove fu rinchiuso il 25 luglio 1755 per detenzione di libri proibiti di alchimia e magia, rappresenta un ulteriore tassello della leggenda che circonda questa controversa figura, nel bene e nel male simbolo della Venezia del Settecento. Ripercorriamone i momenti salienti.  Siamo nelle prigioni del Palazzo Ducale, note con il nome…

Alvise Da Mosto, navigatore e cronista

Quando la passione per i viaggi era autentica scoperta Celebre navigatore veneziano, noto per le scoperte geografiche ma anche per l’abilità di cronista, Alvise Da Mosto nacque a Venezia nel 1432 dal patrizio Giovanni e da Giovanna della nobile stirpe dei Querini. Fin dalla tenera età dimostrò una spiccata propensione alla navigazione e doti marinaresche: si imbarcò a otto anni sulle…