Blog: la bottega di Manuzio

Mosaici di San Marco e modelli bizantini

Karitas

Venezia, chiesa di S. Marco, cupola dell’Ascensione. La Karitas.

santa dorotea

Pennacchio della cupola sud. Santa Dorotea.

Il ciclo dei mosaici della chiesa di San Marco mostra in alcuni casi evidenti utilizzi di modelli bizantini non solo in termini artistici ma anche in relazione alla riproduzione dell’abbigliamento profano. Laddove infatti gli artisti, o la tradizione pittorica, pensavano a un abito splendido per un santo o comunque un personaggio di grande rilievo nella vita religiosa, ricorrevano ai costumi della corte di Bisanzio che di questo splendore rappresentavano il punto più alto nell’immaginario collettivo, anche se è difficile dire fino a che punto queste immagini di iconografia non ufficiale siano realistiche.

La stessa appropriazione di modelli del costume imperiale si registra poi nelle immagini femminili, come in quella della Karitas raffigurata nella cupola centrale dell’Ascensione in un abito di sovrana simile al costume in voga nell’XI secolo. La figura di una imperatrice bizantina è inoltre evidente nel mosaico di santa Dorotea che si trova nel pennacchio della cupola sud.

 

Giorgio Ravegnani

 

Commenta questo articolo

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *