Blog: la bottega di Manuzio

I mosaici della facciata della Basilica di San Marco


Ricordano gli episodi del ritrovamento delle spoglie del santo, dell’arrivo in città, della solenne deposizione

 

Festa di San Marco

Leone di San Marco (Carpaccio)

Si avvicina il 25 aprile, festa di San Marco, patrono di Venezia.

Gli episodi della traslazione del corpo di San Marco, che da Alessandria d’Egitto arrivò nel porto di Olivolo il 31 gennaio 828, ritornano nei mosaici della facciata della Basilica di San Marco. Secondo la tradizione, ad accogliere il santo con grandi celebrazioni, c’erano il vescovo e il doge Giustiniano Particiaco.

Le spoglie furono inizialmente collocate a Palazzo Ducale e in seguito deposte nella nuova basilica (art. 20/04/2015), costruita dal successore di Giustiniano, il fratello Giovanni.

 

mosaici della facciata della Basilica di San Marco

Trasporto della reliquia dal palazzo alla prima basilica eretta in suo onore

Le vicende sono effigiate splendidamente nei mosaici delle lunette dei portali della facciata occidentale, anche se l’unico rimasto degli originali duecenteschi è quello realizzato per ultimo, sopra il Portale di Sant’Alipio (primo a sinistra), che si riferisce al trasporto della reliquia dal palazzo alla prima basilica eretta in suo onore.
Nell’immagine il doge e la dogaressa sono attorniati dai rispettivi seguiti e indossano abiti che paiono corrispondere a quelli in uso alla fine del Duecento. Nella figura del doge si è identificato Lorenzo Tiepolo (1268-1275) la cui seconda moglie, Marchesina di Brienne, apparirebbe al centro del gruppo di donne sulla sinistra. 

mosaici della facciata della Basilica di San Marco

Il corpo di San Marco venerato dalla Signoria veneziana (sec. XVIII)



Gli altri mosaici, danneggiati, furono rifatti tra il XVII e il XIX secolo mantenendo i soggetti originali. Nel primo portale da destra, il mosaico rappresenta il corpo di San Marco sottratto con l’inganno agli infedeli di Alessandria d’Egitto (sec. XVII). Segue quello raffigurante l’arrivo a Venezia delle spoglie di San Marco accolte dal vescovo Orso e dal clero (sec. XVII) e, dopo il mosaico del Cristo in Gloria e il Giudizio finale dell’arcata centrale (sec. XIX), nel quarto portale da destra è effigiato il corpo di San Marco venerato dalla Signoria veneziana (sec. XVIII).


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

The following two tabs change content below.
Elisabetta Ravegnani

Elisabetta Ravegnani

Ama i libri fin da bambina. Prima li legge, poi li colleziona, poi li studia, infine decide di raccoglierli. E crea una libreria. Piccola, fuori dagli itinerari commerciali, con lo scopo di offrire quel qualcosa in più, che non si trova sempre in giro. Qualche anno dopo la laurea in Lettere, unendo la passione editoriale con quella per Venezia, si inventa La bottega di Manuzio. Che ancora oggi cresce, con passione, ogni giorno.
Elisabetta Ravegnani

Ultimi post di Elisabetta Ravegnani (vedi tutti)

Commenta questo articolo

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *