Blog: la bottega di Manuzio

La principessa dalle ali diafane

  Fino ad allora la sua vita si era svolta sempre all’interno, protetta dal suo mondo esclusivo e lei non aveva mai dovuto mettere la testa fuori. Guardò in alto e intorno. La notte era chiara e sulla volta del cielo, tutta macchiettata di puntini luminosi, si poteva vedere chiaramente una grande fascia illuminata, formata da una miriade di soli,…

Veneto della tradizione: L’Epifania

    Dodici giorni dopo Natale le giornate sono più lunghe: da Nadae un piè de gae, da Pasqueta un’oreta, dice il proverbio. Con l’Epifania si chiudono i 12 giorni più sacri e magici dell’anno, osservando i quali possiamo sapere come andranno i prossimi 12 mesi. La notte dell’Epifania gli animali nelle stalle acquistano il dono della parola. Nei campi…

Il dramma dell’abbandono dei bambini alla Pietà

  Nel veneziano quando un bambino è sul punto di piangere e ha quella pietosa particolare espressione che comunica dolore o un dispiacere improvviso, si dice “fa la scafa”. Alla Pietà, nel seicento, i bambini abbandonati erano accolti per mezzo della “scafetta”, una pietra quadrangolare incavata innestata nel muro di recinzione dell’istituto tra la calle della Pietà e il rio…

La monaca del Sile

    Marianna, figlia del conte Nicolò Concina e di Teresa, contessa di Strassoldo, nacque a San Daniele del Friuli il 25 agosto 1764. All’età di cinque anni perse la madre, morta di parto. Era ancora fanciulla quando entrò in monastero come educanda. Compiuto il ciclo di studi, volle farsi monaca nonostante il parere contrario della famiglia. Lei stessa rivelò…

La Chiesa di San Martino

  Secondo la tradizione, la Chiesa di San Martino a Castello apparterrebbe al nucleo delle chiese più antiche di Venezia, ossia quelle già esistenti prima del trasferimento del governo veneziano da Malamocco a Rialto nell’anno 810. Nulla si sa dell’edificio originale, ma con molta probabilità esso subì un primo restauro fra il IX e il X secolo, assumendo le tipiche…

Le sirene dell’isola di Poveglia

  Una leggenda? Lo è sicuramente. Sappiamo tutti che le sirene sono personaggi mitologici creati dalla fantasia degli antichi. Eppure, in conclusione, io mi sento in dovere di riportare quanto mi raccontò un amico ormai anziano su un’esperienza vissuta parecchio tempo addietro: “Alcuni anni fa, con due miei amici appassionati di voga alla veneta, stavamo remando su una barchetta nei…

Antonio Baratella, il poeta sognatore

Coltivò sempre un sogno, quello di diventare precettore dei figli del nuovo doge. Ma ottenne un successo effimero   Antonio Baratella nacque a Loreggia (Padova) verso il 1385. Il padre Zanino, piccolo proprietario e fattore dei nobili Chiericati di Camposampiero, lo avviò agli studi: scelse per lui la carriera notarile prima e giuridica poi; ma il figlio non amò mai…

Giorgio Baffo e la Gran Sultana

  Si presume fosse bellissima, e anche scaltra e intelligente, la giovane veneziana che da schiava divenne la favorita del sultano Amurat. Oltretutto, pare che tra Giorgio Baffo e la Gran Sultana ci fosse un legame: ne parlano Guido Fuga e Lele Vianello in Corto sconto. Itinerari fantastici e nascosti di Corto Maltese a Venezia: Giorgio Baffo [noto poeta libertino (1694-1768) ndr] amava vantare fra le sue…

Gatti di Venezia

  Fino a qualche anno fa era frequentissimo incontrarli in giro, randagi liberi di gironzolare, nei campi e tra le calli. Oggi sono pressoché scomparsi, ma per secoli i Gatti di Venezia sono stati alleati insostituibili degli abitanti. La ragione la si scopre facendo un passo indietro nei secoli ed ha a che fare con navi, ratti e pestilenze:     Verso la…

La storia di Biasio

  Una delle vicende più cupe e spaventose nella memoria dei veneziani è la storia di Biasio. La ricordiamo attraverso il racconto di Guido Fuga e Lele Vianello in Corto sconto. Itinerari fantastici e nascosti di Corto Maltese a Venezia.    La Riva dei Biasio prende il suo nome dal “luganegher” Biasio, venuto dalla Carnia a stabilirsi qui, il luganegher è il venditore…